L'”Economic Crime and Corporate Transparency Act 2023“, approvato nel Regno Unito, contiene un nuovo reato penale societario di “mancata prevenzione delle frodi” che renderà le grandi società responsabili delle frodi commesse dai loro associati.

Nello specifico, questo nuovo reato è contenuto nella sezione 199 della legge, che rende le aziende responsabili se non sono riuscite a prevenire una condotta scorretta da parte di uno dei loro dipendenti, o “persona associata”, come dice la legge. Pertanto, non è più sufficiente che un’azienda sostenga di essere completamente all’oscuro di comportamenti illeciti da parte di uno dei suoi dipendenti, e la sua unica difesa consiste nel certificare di aver messo in atto una procedura di conformità per individuare e cercare di prevenire qualsiasi comportamento scorretto.

In questo modo, il governo britannico rafforza le sanzioni per il mancato rispetto dell’obbligo di frode da parte delle aziende, soddisfacendo tre requisiti:

– Avere più di 250 dipendenti

– Fatturato di oltre 36 milioni di sterline

– Fatturato di oltre 18 milioni di sterline in attività totali.

La legge chiarisce che questo reato si applica a una società madre se il gruppo guidato dalla società madre soddisfa due o più dei criteri di cui sopra.

Tra gli atti illeciti perseguiti da questo nuovo reato vi sono, tra gli altri, la frode per omessa dichiarazione o abuso di posizione, la partecipazione a un’attività fraudolenta, il falso in bilancio, la negoziazione fraudolenta, la frode fiscale.

A sua volta, un’azienda potrebbe essere multata se non riuscisse a impedire un comportamento illecito da parte di un dipendente con l’intento di avvantaggiare l’azienda o i suoi clienti.

Il miglior software per segnalatori

Persona associata” nell’ambito della frode “per omissione”.

La legge definisce il concetto giuridico di “persona associata”, riferendosi al dipendente che commette il reato e che l’azienda è responsabile in relazione a questo reato per non aver messo in atto la giusta procedura per individuare e prevenire gli atti illeciti all’interno del suo ufficio. Si tratterebbe di una mancata prevenzione”.

-Un dipendente, un agente o una filiale della società interessata.

-Un dipendente di una filiale.

-Un professionista che presta servizi per o per conto dell’azienda.

Il fattore che rende veramente responsabile un’azienda per un reato commesso da una “persona associata” è che il fine ultimo dell’illecito sia a vantaggio dell’azienda o dei suoi clienti, sebbene possa applicarsi anche in presenza di un vantaggio indiretto.

Inoltre, questo reato può essere commesso all’estero, purché “se un dipendente commette una frode ai sensi della legge del Regno Unito, o se si rivolge a vittime del Regno Unito, il datore di lavoro potrebbe essere perseguito, anche se l’organizzazione (e il dipendente) ha sede all’estero”, secondo la legge citata.

Un altro aspetto da considerare sotto la protezione di questo nuovo reato sono i casi in cui la società è vittima di una frode, che la esenta da responsabilità se la frode è destinata a beneficiare un’altra società o persona diversa dalla società stessa.